L'invincibile estate di Liliana

11 marzo 2024, 18:00 @Auditorium Enzo Biagi | Biblioteca Salaborsa, Piazza del Nettuno 3, Bologna

Cristina Rivera Garza presenta il suo libro | Aspettando Gender Bender

A distanza di trent’anni dall'uccisione della sorella per mano del fidanzato, la scrittrice messicana reclama giustizia in un memoir, edito da Sur, che oscilla tra fiction e racconto autobiografico.
 
Cristina Rivera Garza presenta il suo libro L'invincibile estate di Liliana, edito da Sur, Finalista al National Book Award 2023(NONFICTION).
Modera l’incontro Samanta Picciaiola
Interpretariato a cura di Giulia Zavagna (edizioni Sur)
Bookshop a cura di Libreria Trame
 
Un evento organizzato da Gender Bender, Sur e Biblioteca Salaborsa in collaborazione con Libreria Trame, Casa delle donne per non subire violenza Bologna, Biblioteca Amilcar Cabral nell’ambito del Patto per la lettura Bologna.
 
Ingresso gratuito fino a esaurimento posti
 

IL LIBRO

Il 16 luglio del 1990, a Città del Messico, Liliana Rivera Garza fu vittima di un femminicidio. Aveva vent’anni, studiava architettura. Da tempo cercava di porre fine a una relazione con un ragazzo che non le dava tregua. Qualche settimana prima della tragedia, prese una decisione definitiva: nel cuore dell’inverno aveva imparato che in lei c’era, come diceva Albert Camus, un’invincibile estate. L’avrebbe lasciato per sempre. Avrebbe cominciato una nuova vita. Avrebbe fatto un master, si sarebbe trasferita a Londra. La decisione del ragazzo fu che lei non avesse una vita senza di lui. Trent’anni dopo, a partire dalle carte di Liliana, dalle indagini dell’epoca e dalle testimonianze di amici e familiari, Cristina Rivera Garza ricostruisce la storia della sorella, una storia personale ma terribilmente universale: quella di una giovane donna, brillante e determinata, che muove i primi passi in un mondo permeato dalla violenza di genere. Dal primo amore con un ragazzo affascinante ma geloso e possessivo, fino all’ultima meravigliosa estate, fatta di viaggi, emozioni e libertà mai sperimentate prima. In un memoir che sfida ogni convenzione stilistica, con una prosa luminosa e poetica e un finissimo equilibrio tra fiction e non fiction, Rivera Garza affronta il lutto che l’ha cambiata per sempre, e che ancora oggi determina la persona che è e le cause per le quali si impegna a lottare ogni giorno.